Parliamo dello style Minimal…

  • Quando affrontiamo il nostro guardaroba e ci sembra di non avere niente da mettere, in genere il motivo è che non abbiamo ancora focalizzato il nostro stile. A qualcuno risulta semplice riconoscersi in una tendenza o una maniera coerente di abbigliarsi, per altri invece non è così immediato e si ha bisogno di razionalizzare e studiare uno scheletro di base sul quale poi aggiungere di volta in volta sfizi stagionali e stratificazioni. Per questo motivo ho pensato di fare una carrellata di stili per riconoscere ognuno il proprio e avvalersi delle indicazioni di base per orientarsi verso un guardaroba funzionale, ordinato e dal forte impatto, insomma perfetto.

    Lo stile minimale non può essere abbracciato a sé stante in quanto in genere scaturisce da un approccio esistenziale che investe tutti gli ambiti della vita, dall’alimentazione, all’arredamento, al modo di viaggiare, di educare i figli e di vivere le relazioni. Il minimalista è votato all’essenzialità, alla semplicità intesa come facile fruizione dei propri beni, non certo banalità o omologazione, anzi. Il minimalista è sensibile alla funzionalità, alla versatilità e alla praticità, preferisce poter accedere a ciò che possiede in maniera immediata e quindi contornarsi di pochi oggetti, piuttosto che accumulare in previsione di un futuro di necessità. Si tratta comunque di un individuo affascinato dal lusso, inteso come qualità estrema e durevolezza. In campo di guardaroba, stile minimale vuol dire sostanzialmente capacità di scegliere capi di qualità elevata, sobri nei colori e coerenti nelle forme, in grado di amalgamarsi bene tra loro e sviluppare un potenziale di resa esponenziale. Sarà poco suscettibile alle mode e alle tendenze stagionali. Il mantra: less is more.

    I colori per uno stile minimal

    In genere i minimalisti prediligono il nero, il bianco, l’ecrù, il blu navy, il grigio. È una scelta quasi obbligata perché essendo colori sobri, non rischiano di annoiare e si prestano ad essere adattati a ogni occasione d’uso. Inoltre si riescono a mixare bene tra loro, aumentando le potenzialità di abbinamento. Non è certo vietato transigere su incursioni di colore, ma si tratta in genere di piccoli sprazzi, circoscritti a un accessorio o un singolo capo. Sulle stampe l’atteggiamento è quanto meno cauto, va bene la marinière, qualche pois, un check sobrio, ma sempre in maniera piuttosto contenuta. I tessuti per uno stile minimal

    Poco da dire: i tessuti devono essere i migliori. Tendendo all’essenzialità ed essendo votati al confort estremo, i minimalisti chiedono da ogni singolo capo una qualità superlativa, anche in virtù di una potenziale resa nel lungo periodo, quindi lana e cashmere, cotone e lino, seta per gli indumenti, pelle per gli accessori. I modelli per uno stile minimal

    Non è detto che un minimalista debba indossare solo capi lineari e classici, anzi, probabilmente l’attenzione per il dettaglio e la scelta di linee avanguardistiche potrebbe essere la cifra del suo stile personale. Eppure l’ambizione resta indirizzata a un equilibrio ferreo tra esclusività e rigore, nell’ottica dell’essenzialità. Gli accessori per uno stile minimal

    Pochi, ben scelti e di ottima qualità. Niente di vistoso, piuttosto invece capace di resistere alle stagioni. Minimaliste all’appello? Chi si riconosce nella descrizione?

    (Idee dal web)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...